Site Loader
Corso 22 Marzo, 25 | 20129 Milano

Gli appalti come opportunità di ripresa – uno sguardo alla normativa.
A che punto siamo? Le disposizioni emanate in via transitoria per rilanciare e semplificare le procedure di gara sono state prorogate fino al 31.12.2021 grazie al decreto-legge 183/2020 in vigore dal 31.12.2020 in attesa di conversione. In particolare:

Subappalto: resta in vigore la disposizione che ha innalzato al 40% la misura della quota subappaltabile. La disciplina del subappalto dovrebbe essere rivista per rispondere ai principi espressi dalla Corte di Giustizia Europea 27.11.2019 causa C-402/18, che ha dichiarato non conforme alla normativa comunitaria l’imposizione di limiti al subappalto. Sempre in tema di subappalto non è obbligatoria l’indicazione della terna dei subappaltatori in fase di presentazione dell’offerta ed è sospesa l’esclusione per carenza dei requisiti dei subappaltatori

Anticipazione del 30%: per supportare gli Operatori Economici resta in vigore fino a fine anno la possibilità di anticipare il 30% del valore dell’appalto alla firma del contratto.

Verifica dei requisiti: Il tema delle verifiche sulle violazioni contributive e fiscaliin fase di garacomporta la facoltà della Stazione Appaltante di escludere l’Operatore ove sia a  conoscenza e possa documentare il mancato pagamento di tasse e contributi, ancorché non definitivamente accertati,  qualora i medesimi costituiscano grave violazione.

Nel settore della Manutenzione e interventi di ristrutturazione gli affidamenti possono avvenire sulla base del progetto definitivo; le attività di progettazione possono essere affidate anche prima del finanziamento complessivo dell’opera.

Oltre al settore dei lavori, la Pubblica Amministrazione segue un percorso d’ammodernamento nel campo tecnologico con attenzione ai temi dell’economia circolare, sia per la situazione contingente legata al Co-vid, sia per l’esigenza di garantire efficienza, trasparenza, tracciabilità.

Grossa spinta quindi agli appalti nei settori IT e tecnologici e nel settore pharma, della salute e sicurezza del lavoro, che servono da motore per rinnovare i processi e far fronte alle specifiche necessità, che rappresentano un’opportunità per le Imprese.

Seguire le procedure di approvvigionamento comporta una conoscenza attenta della normativa negli aspetti applicativi: scrivere od interpretare correttamente un bando, individuare le clausole critiche di un contratto o capitolato, dare seguito nei tempi previsti dalla normativa a tutti gli adempimenti ,  motus norma è al Vostro fianco per darvi supporto in tutte le fasi della gara ed anche successivamente in fase esecutiva.

motus norma e il mondo degli appalti.

La provenienza da settori regolamentati (aeroporti e trasporti) e l’esperienza nel settore della consulenza globale e contrattualistica IT, la conoscenza degli aspetti giuridici legati ad Artificial Intelligence, Block chain, IoT, combinano le due prospettive, quella dell’Operatore Economico che si trova a gestire la miriade di adempimenti legati alla partecipazione alle gare pubbliche o procedure private e quello delle Stazioni Appaltanti o Committenti od anche delle imprese private che decidono di affidarsi a procedure che mettono in gara gli Operatori nella presentazione delle offerte per l’acquisto di beni servizi e lavori.

È un settore complicato?

La normativa prevede molti tecnicismi, la nostra conoscenza specifica delle norme e della giurisprudenza, unita alla precisione nell’analisi dei bandi, al rispetto dei tempi, alla puntuale verifica degli aspetti critici dei contratti costituiscono un prezioso supporto alle funzioni aziendali responsabili dei processi di approvvigionamento o di vendita. Queste le competenze che mettiamo in campo a supporto delle Aziende e delle Pubbliche Amministrazioni.

Post Author: motus norma s.r.l.s.

Rispondi